Contatti

0321-3734861

0321-3734843

odonto.segreteria@maggioreosp.novara.it

Novara, viale piazza d’Armi 1

Staff

Foto del personale non disponibile

Professor Pier Luigi Foglio Bonda

Medici

Foto del personale non disponibile

Marino Bindi

Foto del personale non disponibile

Monica Marotta

Foto del personale non disponibile

Errico Prota

Responsabile struttura semplice “Chirurgia Orale”

Foto del personale non disponibile

Mario Migliario

La Struttura Complessa a direzione universitaria di Odontoiatria e Stomatologia è costituita da diversi ambulatori dotati di riunito odontoiatrico, una centrale di sterilizzazione comune, sale d’attesa e servizi per pazienti e operatori sanitari.
Gli ambulatori sono suddivisi ed attrezzati in base alle diverse attività odontostomatologiche che si devono effettuare, che spaziano dalla diagnosi alla cura delle diverse patologie di interesse odontostomatologico.

La struttura è sede del corso di studi in igiene dentale della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università del Piemonte Orientale e pertanto svolge anche attività di ricerca e di insegnamento.

Patologia orale
L’attività didattico-assistenziale di questa specialità è principalmente rivolta alla diagnosi precoce delle lesioni dei tessuti molli del cavo orale (precancerosi, neoplasie, glossiti, stomatiti, sindrome della bocca urente, etc). E’ molto importante riuscire a diagnosticare precocemente le lesioni del cavo orale capaci di evolvere verso patologie neoplastiche come il carcinoma del cavo orale. Il cavo orale è quotidianamente esposto a numerosi stimoli (esempio: fumo, alcool, etc) che possono provocare la nascita di neoplasie delle mucose orali. Allo stesso tempo è molto semplice osservare ed ispezionare la nostra bocca, è pertanto più facile che in altri distretti corporei prevenire i tumori maligni. Laddove necessario, con l’ausilio di biopsie, è possibile caratterizzare le lesioni ed indirizzare la terapia. Allo stesso modo è importante diagnosticare le lesioni tipiche di patologie ad eziologia immunitaria che si manifestano precocemente nel cavo orale come avviene nel caso del pemfigo e del lichen planus. La diagnosi tempestiva delle stomatomucositi migliora sensibilmente la prognosi e può ridurre l’estensione di queste malattie. Sono stati messi a punto, con la collaborazione di altri istituti, protocolli per la diagnosi e terapia delle lesioni bianche e rosse del cavo orale che comprendono:
1. Visita e realizzazione di fotografie cliniche
2. Compilazione di una cartella dedicata con l’indicazione della morfologia e della topografia della lesione
3. Tamponi per la ricerca di eventuali batteri e miceti
4. Valutazione della salivazione
5. Biopsia.

Gestione odontoiatrica dei “pazienti a rischio”
Questa attività prevede la diagnosi e la cura delle patologie di interesse odontostomatologico nei pazienti che richiedono l’assistenza anestesiologica per le loro particolari condizioni cliniche.
In letteratura è stato sottolineato il ruolo potenzialmente patologico esercitato dai focolai infiammatori cronici (residui radicolari, denti con lesioni periapicali, lesioni parodontali) su altri apparati come per esempio a livello cardiovascolare con l’aggravamento di patologie ischemiche cardiache.
E’ importante, inoltre, che tutti i pazienti trattati con farmaci immunosoppressori non abbiano possibili focolai batterici nel cavo orale, che potrebbero causare infezioni assolutamente indesiderabili in pazienti con ridotte difese immunitarie.
In particolare sono effettuate prestazioni di chirurgia orale in:
1. Pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO – NAO)
2. Pazienti cardiopatici gravi
3. Epatopatici
4. Pazienti trapiantati o in attesa di trapianto d’organo
5. Pazienti atopici
6. Pazienti oncologici
7. Pazienti in terapia con farmaci antiriassorbitivi
I pazienti con terapia anticoagulante orale (es. pazienti con protesi valvolare, fibrillazione atriale, trombosi venosa profonda, etc…) che necessitino di interventi di chirurgia orale vengono trattati, previa visita presso codesta struttura, nella sede centrale dell’AOU Maggiore della Carità con idonei protocolli espletati in collaborazione con la S.C.D.U. Anestesia e Rianimazione.

Gnatologia
L’attività didattica, assistenziale e di ricerca di questa specialità è rivolta alla diagnosi ed intercezione dei disordini cranio mandibolari (patologie dell’articolazione temporo-mandibolare).

Igiene orale
L’attività didattico-assistenziale di questa branca specialistica è principalmente rivolta alla prevenzione primaria, secondaria e terziaria della malattia parodontale.
Le attività, principalmente svolte dagli studenti tirocinanti con la supervisione di due igienisti dentali strutturati e di tutors universitari, spaziano dalla istruzione e motivazione alle corrette pratiche di igiene orale domiciliare alla terapia della malattia parodontale (ablazione tartaro, levigatura parodontale) con particolare attenzione ai pazienti affetti da patologie sistemiche che riconoscono l’infiammazione croniche del parodonto come cofattori scatenanti o aggravanti. In tale ambito si inserisce la cura dei pazienti in terapia con farmaci antiriassorbitivi.

Odontoiatria pediatrica e Ortognatodonzia
L’Odontoiatria pediatrica è la disciplina odontoiatrica che si occupa della salute della bocca dei bambini e degli adolescenti fino ai 14 anni e 9 mesi d’età.
L’Ortognatodonzia è la disciplina odontoiatrica che si occupa dello studio, della diagnosi, della prevenzione, dell’intercettamento e della terapia di anomalie occlusali, di crescita e di funzione dell’apparato stomatognatico in pazienti fino ai 14 anni d’età.
La prima visita odontoiatrica pediatrica è indispensabile per accedere alle successive prestazioni odontoiatriche ed ortognatodontiche e deve essere prenotata unicamente tramite CUP.
Nel corso della prima visita odontoiatrica sarà eseguito un esame obiettivo del cavo orale, la raccolta della formula dentale, la valutazione ortognatodontica e parodontale oltre alla visione della documentazione clinica e radiografica in possesso del paziente. Nella stessa seduta sarà rilevato il grado di Indice di Necessità di Trattamento Ortodontico (IOTN). Sarà richiesta, se non prodotta, tutta la documentazione necessaria alla formulazione di una prima diagnosi odontoiatrica ed eventualmente ortognatodontica.
In occasione della seconda visita verrà raccolta la documentazione richiesta onde consentire la stesura di un piano di trattamento. La mancata produzione della documentazione richiesta comporterà l’interruzione dell’iter diagnostico e quindi di ogni trattamento.
L’istruzione e la motivazione all’igiene orale domiciliare nonché l’igienizzazione professionale del cavo orale e l’esecuzione di sigillature profilattiche saranno eseguite dagli studenti del Corso di Studi in Igiene Dentale.
Proseguiranno l’iter diagnostico-terapeutico ortodontico solo i pazienti con esigenze funzionali di età inferiore ai 14 anni affetti da malocclusioni incluse nei gradi 3, 4 e 5 dell’Indice IOTN. Potranno essere valutati casi ortognatodontici di età superiore in funzione della gravità clinica e delle disponibilità della Struttura. I Pazienti in trattamento ortodontico presso strutture esterne saranno rivalutati solo al termine della terapia. Nel caso di mancanza di igiene orale successiva alle sedute di motivazione il paziente non sarà preso in cura.
Un buono stato di salute orale e gengivale dovrà essere mantenuto per tutta la durata del trattamento: in caso di inosservanza delle norme igienico-sanitarie consigliate, come per la mancata collaborazione nell’usare correttamente i dispositivi ortognatodontici, il paziente ed i suoi Tutori saranno avvisati che perdurando tale situazione, a insindacabile giudizio dell’operatore curante, il trattamento sarà sospeso.
Le prestazioni di:
• Chirurgia orale ambulatoriale
• Gnatologia (Funzione masticatoria)
• Igiene Orale
• Patologia Orale (Lesioni delle mucose del cavo orale)
sono effettuate indistintamente su tutti i pazienti afferenti alla struttura in funzione della disponibilità di personale. I pazienti con gravi patologie sistemiche, indicate dal medico di base sulla richiesta di visita, ed i ricoverati presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria hanno comunque la priorità.
Altre prestazioni, ovvero:
• Conservativa (Otturazioni carie)
• Endodonzia (Devitalizzazioni)
• Protesi (Mobile e fissa)
sono effettuate soltanto su pazienti a “rischio” per la presenza di particolari patologie sistemiche che richiedono il trattamento in ambiente ospedaliero. Queste condizioni saranno accertate di volta in volta al momento della prima visita con il supporto della documentazione clinica in possesso del paziente.
Principalmente rientrano in questa categoria i pazienti in attesa di trapianto d’organo o trapiantati, pazienti cardiochirurgici e cardiopatici gravi, epilettici, oncologici chemiotrattati e/o radiotrattati e tutti quelli che richiedano assistenza anestesiologica ambulatoriale.

NOTA BENE. Le prestazioni effettuate in regime istituzionale relative a:
– protesi dentaria
– gnatologia
– ortodonzia
prevedono il pagamento a carico del paziente delle spese relative ai manufatti realizzati in laboratorio odontotecnico, oltre al regolare ticket assistenziale.
I pazienti prenotati devono presentarsi in Clinica con l’impegnativa del proprio medico di base e regolarizzare il pagamento del ticket prima della visita. La data della prima visita è comunicata al momento della prenotazione al CUP. Le prestazioni successive alla prima possono essere prenotate unicamente con un’impegnativa emessa dai dirigenti della struttura; le attese, comunicate dal CUP, variano a seconda del tipo di prestazione richiesta.

E’ possibile prenotare la prima visita odontostomatologica al numero verde Cup Regionale 800 000 500. Allo stesso numero si chiede di segnalare eventuali disdette delle prenotazioni in modo da liberare il posto per altri pazienti in attesa.

Le prime visite, sono effettuate secondo l’orario indicato sul modulo di accettazione; i pazienti devono portare tutta la documentazione clinica (referti, esami ematologici, etc) e radiografica (Ortopantomografia, etc) attestante le loro condizioni di salute.

I pagamenti delle prime visite odontostomatologiche e di tutte le altre procedure odontoiatriche prescritte dai medici della S.C.D.U. di Odontoiatria e Stomatologia potranno essere effettuati presso il Punto Giallo, le tabaccherie o presso la segreteria di reparto (esclusivamente tramite carta di credito, debito o prepagata).

Gli ambulatori sono aperti al pubblico dalle 8.30 alle 14.00.

 

 

 

Nello “standard di servizio” vengono definite le caratteristiche del servizio erogato, delle sue eccellenze e delle principali linee di sviluppo.

Tutti gli accessi prevedono una prima visita da prenotare al CUP (Centro Unificato Prenotazioni) con impegnativa dematerializzata.

Le prime visite sono effettuate secondo l’ordine di prenotazione dal lunedì al venerdì.

In occasione della prima visita saranno valutate sia la situazione clinica generale, sia le condizioni orali dei pazienti. E’ necessario portare con sé la documentazione clinica e radiografica (Ortopantomografia, etc) eventualmente posseduta.

Gli ambulatori sono aperti al pubblico normalmente dalle 8.30 alle 14.00.

AMBULATORIO PRIMA VISITA
Prenotazione:
– CUP Regionale numero verde 800 000 500, dalle ore 8.00 alle ore 20.00, dal lunedì alla domenica.

– Online attraverso il sito “CUP Piemonte”

– Smartphone utilizzando l’ App CUP Piemonte

Di persona presso gli sportelli del Centro unico di prenotazione.

Dopo la definizione del piano di cura sarà possibile accedere agli altri ambulatori:

AMBULATORIO CHIRURGIA ORALE

AMBULATORIO CONSERVATIVA

AMBULATORIO GNATOLOGIA

AMBULATORIO IGIENE ORALE

AMBULATORIO ORTODONZIA

AMBULATORIO PARONDONTOLOGIA

AMBULATORIO PATOLOGIA ORALE

AMBULATORIO PROTESI