Tempi di attesa

L’ abbattimento delle liste di attesa per esami, visite e ricoveri rappresenta una delle priorità in materia di salute. Per questo è previsto che i tempi di attesa per una prestazione possano essere diversi a seconda della gravità clinica del caso.

L’accesso alle prestazioni specialistiche ambulatoriali si basa su criteri di priorità clinica che prevedono una distinzione tra:
– le prestazioni individuate come “prima visita o primo accertamento diagnostico”
– viste che si riferiscono alla continuità diagnostico-terapeutica (visite specialistiche, prestazioni o accertamenti diagnostici successivi alla prima visita, cioè i cosiddetti “controlli”).

Per questo al momento della prescrizione, il medico curante deve indicare sull’ impegnativa se si tratta di prima visita o primo accertamento diagnostico e il relativo codice di priorità sulla base delle caratteristiche della patologia (la sua gravità e il suo decorso, la presenza e l’ intensità dei sintomi), o se si tratta di visita o accertamento diagnostico di controllo.

Le prime visite o primi accertamenti diagnostici sono suddivisi, in base alle caratteristiche cliniche, in tre classi di priorità (per le quali sono stati fissati tempi di attesa differenti) che hanno le seguenti sigle:

U : urgente
è il codice relativo ai casi indifferibili e urgenti – la prestazione deve essere garantita entro 72 ore.
B : casi brevi
la prestazione deve essere garantita entro 10 giorni dalla richiesta.
D : differibile
la prestazione deve essere garantita entro 30 giorni, se si tratta di prime visite, ed entro 60 giorni se si tratta di esami diagnostici strumentali – la riabilitazione ha tempi standard specifici.
P : programmabile
è il codice relativo a prestazioni programmabili, non urgenti – l’ operatore del Centro unificato prenotazioni offre il primo posto disponibile.

Le visite di controllo e gli screening non rientrano in nessuna di queste classi di priorità.

I tempi di erogazione delle prestazioni richieste vanno computati per tutte le classi (U,B,D) dal momento della presentazione dell’ impegnativa allo sportello amministrativo.

Modalità di prenotazione delle prestazioni specialistiche ambulatoriali presso l’Azienda ospedaliero-universitaria di Novara

Visite specialistiche

Per quanto attiene l’ attività di visita ambulatoriale, viene garantita l’esecuzione delle prestazioni di classe U e di classe B di tutte le branche specialistiche attivate.

Diagnostica strumentale con classe di priorità

Per l’accesso all’attività di diagnostica strumentale è necessario oltre all’impegnativa del medico di medicina generale, anche la valutazione dello specialista della disciplina (medico di Radiologia), al fine di stabilire il grado di urgenza della prestazione.
Alcune prestazioni non sono comunque prescrivibili nelle classi U e/o B.

Radiodiagnostica: valutazione impegnativa per prestazione di diagnostica strumentale classe di priorità B

Collegamenti

Tempi di attesa ambulatoriali

Tempi d’attesa Regionali