ti trovi in: Attività assistenziale > Elenco delle strutture sanitarie > Padiglione E > Nefrologia – Centro Trapianti Rene

Dipartimento Medico
NEFROLOGIA – CENTRO TRAPIANTI RENE

Ubicazione struttura e ambulatori:  padiglione E – primo piano >>

Direttore

Professor Vincenzo CANTALUPPI

Medici:
Andrea AIROLDI, Francesca COFANO, Cristina CORNELLA, Elisa LAZZARICH, Claidio MUSETTI, Daniela PALMIERI, Marco QUAGLIA

Prenota chiamando

0321-3733798

Prenotazione »

 

Orario visite degenti

12,00 – 14,00

17,00 – 20,00

 

Orario colloquio medici

La struttura complessa di Nefrologia Trapianto Renale si occupa della diagnosi e della terapia medica della malattie renali e della terapia sostitutiva naturale dell’ insufficienza renale cronica tramite trapianto renale.
Per quanto attiene la Nefrologia la struttura dedica la propria attività alla diagnostica ed al trattamento delle nefropatie primitive e secondarie a patologia sistemica ( Diabete, Vasculiti, Malattie Linfoproliferative, Amiloidosi, LES, altre collagenopatie ), dell’ ipertensione arteriosa, delle infezioni urinarie, della pielonefrite acuta , della calcolosi renale, della patologia renale correlata alla gravidanza e dell’ insufficienza renale acuta e cronica dell’interessamento renale in corso di malattie rare.
La gestione clinica di queste patologie si esplica attraverso un sistema integrato di ambulatorio, ricovero ospedaliero e/o day hospital, con il trasferimento da un regime all’ altro valutato in base alle caratteristiche cliniche del paziente, alla complessità del quadro ed alle necessità diagnostico terapeutiche.
Dal punto di vista diagnostico la Struttura dispone di tutte le tecnologie della moderna nefrologia, con particolare riferimento all’ accertamento bioptico renale percutaneo ecoguidato: in questo campo il Direttore ha una particolare esperienza, avendo effettuato il maggior numero di biopsie renali nell’ ambito della Regione Piemonte.
I settori di particolare eccellenza sono rappresentati dalla diagnosi e dalla terapia delle glomerulonefriti primitive e secondarie a vasculiti, a LES, ad altre collagenopatie a malattie linfoproliferative, ad amiloidosi ed alla patologia renale in corso di gravidanza e di malattie rare. Nell’ ambito di queste patologie la Struttura complessa di Nefrologia e Trapianto è riferimento non solo regionale, ma anche nazionale in quanto il Direttore è stato il coordinatore nazionale del Gruppo di Immunopatologia renale della Società Italiana di Nefrologia.
Per quanto riguarda le attività multidisciplinari si sottolinea il ruolo della struttura nella diagnostica del coinvolgimento renale nell’ ambito delle paraproteinemie , in collaborazione con la S.C. Ematologia, nella terapia delle malattie vascolari del rene, in collaborazione con la S.C. di Chirurgia Vascolare dell’ Azienda , quello nel trattamento della litiasi renale, delle infezioni delle vie urinarie e delle pielonefriti acute, in stretto rapporto con la S.C. di Urologia, e quello nella diagnostica e nella terapia della patologia renale ed ipertensiva in corso di gravidanza in collaborazione con la S.C. di Ostetricia e Ginecologia I.
Per quanto attiene il TRAPIANTO RENALE, il Centro trapianti della Struttura Complessa è il secondo del Piemonte , quale riferimento Regionale per i Trapianti renali , con una attività che è in continuo aumento dal 1998, anno di avvio, sia per il numero dei trapianti effettuati che per la complessità delle problematiche affrontate.
Il Centro Trapianti è il terzo in Italia per attività e al 31 dicembre 2010 sono stati complessivamente effettuati 784 trapianti di rene, di cui 32 doppi trapianti e 24 da donatore vivente.
Il trapianto renale è attività multidisciplinare e tutte le strutture dell’ Azienda sono coinvolte in considerazione della complessità del paziente e del tipo di intervento, delle necessità diagnostiche e di quelle medico-chirurgiche, sia nella fase della preparazione, che in quella propriamente chirurgica ed in quella successiva all’ intervento, quando il paziente viene ricoverato nella terapia intensiva del nostro Centro.
In particolare tuttavia sono più direttamente coinvolte nella gestione del paziente e nelle diverse fasi di svolgimento del trapianto la S.C. di Nefrologia – Dialisi, la S.C. di Chirurgia Vascolare, la S.C. di Urologia e la S.C. di Anestesia e Rianimazione.
Il Centro Trapianti Renali dell’ Azienda effettua trapianti da donatore cadavere, il doppio trapianto per i riceventi più anziani , il trapianto da donatore vivente ed è riferimento per i pazienti in dialisi nei Centri del Piemonte Orientale ed anche per i pazienti provenienti da altre Regioni Italiane, inseriti nella lista di attesa dal Centro di Riferimento per i Trapianti della Regione Piemonte.
Particolare attenzione è dedicata al trapianto di rene da donatore vivente: programma che la struttura sta sviluppando sempre più anche attraverso la formazione di pazienti, medici ed operatori sanitari del settore.
Il Centro è coinvolto in tutti i tre settori attraverso i quali si articola un Trapianto di Rene:
– selezione dei pazienti con insufficienza renale cronica in dialisi,
– preparazione e ricovero nell’ immediato post-trapianto nella terapia intensiva del Centro,
– follow-up della fase successiva al trapianto anche a lungo termine, con parziale condivisione delle problematiche con i referenti dei Centri Dialisi.
Tutta questa attività si svolge attraverso un complesso sistema integrato , che riguarda l’ Ambulatorio pre -Trapianto per la selezione dei pazienti uremici al fine di inserimento in lista di attesa attiva, il ricovero nell’ Unità intensiva Trapianti, nell’ immediata fase post trapianto, e successivamente nella Degenza ordinaria.
A distanza dal trapianto, le necessità di ospedalizzazione per la comparsa di complicanze cliniche o di particolari necessità terapeutiche dei pazienti trapiantati viene garantita, a seconda della complessità del quadro rispettivamente da :
– Day Hospital di Trapianto
– Degenza Ordinaria Nefrologia e Trapianto
Il follow-up ed il monitoraggio ambulatoriale successivo al trapianto di rene è garantito dall’ Ambulatorio Post-Trapianto renale , che è direttamente dedicato allo svolgimento di questa attività, con un notevole carico operativo correlato alla necessità di frequenza particolarmente elevata delle consultazioni, alla complessità ed alle particolari esigenze diagnostico – terapeutiche di questi pazienti che al momento sono circa 1000.
Il Centro trapianti di Novara ha ottenuto una valutazione di eccellenza dal Centro Nazionale Trapianti del Ministero della Salute, per lo standard particolarmente elevato dei risultati ottenuti, sia in termini di sopravvivenza del paziente e del rene , che in termini di complessità dei casi trattati: per gli anni 2000 – 2008 ha ottenuto infatti risultati che lo collocano al primo posto in assoluto in Italia tra i Centri che hanno effettuato oltre 500 trapianti.

ATTIVITÀ FORMATIVA

La Struttura complessa a Direzione Universitaria di Nefrologia Trapianto Renale svolge attività didattica e formativa per gli studenti del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia dell’ Università del Piemonte Orientale, che frequentano il nostro reparto nell’ambito del tirocinio. Inoltre, frequentano il reparto studenti del quarto e quinto anno di Medicina, con il ruolo di frequentatori, nei modi e nei tempi consentiti dal Corso di laurea. Infine, svolgono la loro attività formativa a tempo pieno nella nostra Struttura Medici Specializzandi in Nefrologia presso l’ Università degli Studi di Torino.
Nell’ ambito di queste attività didattiche vengono organizzate, con cadenza a quindicinale, riunioni tra i medici del reparto, gli specializzandi e medici di altri reparti, su argomenti di interesse clinico, diagnostico- terapeutico, o su casi clinici di particolare rilievo.
Parallelamente, è operativo un programma di riunioni periodiche con lo staff infermieristico, al fine di condividere, nell’ ambito delle rispettive professionalità , le conoscenze teoriche e le modalità gestionali e operative di tutte le patologie trattate.

ATTIVITÀ SCIENTIFICHE

Un costante impegno di aggiornamento scientifico viene mantenuto e stimolato nell’ ambito di tutti i settori di competenza specifica della Struttura Complessa, nella consapevolezza che la conoscenza è lo strumento migliore che consente una continua crescita professionale e mantiene gli stimoli adatti a svolgere la propria attività con soddisfazione, oltre a garantire ai pazienti il miglior approccio possibile alle loro patologie.
Secondo questa impostazione tutti i componenti della struttura vengono incoraggiati a mantenere un alto livello di interesse verso gli approfondimenti scientifici, la partecipazione a congressi di rilievo, e la pubblicazione di lavori scientifici.
Attualmente sono in atto programmi di studio nella nefrologia e nel trapianto renale in collaborazione con Istituti Scientifici Nazionali ed Internazionali.

ALTRE INFORMAZIONI

L’ unità intensiva trapianto di rene è costituita da un’ area totalmente isolata dal reparto tramite doppie porte scorrevoli con area pre – filtro e filtro, che comprende al suo interno quattro stanze singole di degenza.
Le stanze dell’ unità intensiva trapianto sono dedicate al ricovero dei pazienti nell’ immediata fase successiva all’ effettuazione del trapianto: dispongono di tutte le attrezzature atte alla monitorizzazione continua dei parametri vitali ed alla gestione clinica di un malato con necessità di elevata assistenza medico- infermieristica.
L’ area intensiva è altresì attrezzata per effettuare in questi pazienti trattamenti dialitici sia d’ urgenza che programmati , grazie ad unità singole di preparazione di acqua trattata e monitors per emodialisi.
Adiacente all’ area semi-intensiva è presente un’ area dedicata alla preparazione del candidato al momento del trapianto renale.
Il day hospital comprende un posto letto per i programmi terapeutici non effettuabili in regime ambulatoriale, in pazienti con nefropatie in atto o in trapiantati di rene.

ORARI VISITE DEGENTI

Area post trapiantologica è consentita la visita solo dalla seconda giornata post trapianto e limitatamente a un solo famigliare alla volta e secondo le regole di accesso alla terapia intensiva, dopo appropriato lavaggio delle mani, vestizione con camice visitatori e opportuna igiene respiratoria.
L’orario di accesso è tassativamente previsto dalle ore 13.00 alle ore 14.00.

Area degenza è consentita la visita nelle seguenti fasce orarie dalle ore 12.00 alle ore 14.00 e dalle ore 17.00 alle ore 20.00. E’ consigliato evitare lo stazionamento prolungato nelle camere e la contemporanea visita di più famigliari.

Eventuali deroghe agli orari dei visitatori sono previste nel rispetto del regolamento aziendale e discrezionale al giudizio del clinico e del personale di assistenza. Le visite fuori orario devono essere preventivamente autorizzate dal Coordinatore Assistenziale di Struttura e medico di guardia.

L’orario previsto per il colloquio medici – famigliari è così strutturato:

coincide con l’orario di visita dei famigliari ma deve essere opportunamente e preventivamente concordato con il clinico per i pazienti ricoverati in terapia intensiva post trapiantologica

Area degenza è prevista la fascia oraria dalle 13.00 alle ore 14.00 e dalle ore 18.00 alle 19.00 per i colloqui con i medici ed eventuali necessità specifiche saranno da concordare con il personale medico e infermieristico.